I CONFLENTESI RACCONTANO CONFLENTI

itConflenti

CUCINA CONFLENTESE NATURA

La storia della patata: dalla terra alla pentola

patata: Patate E Vajane

Ma quantu è bella a patata tantu sapurita chi a tutti piacia. De cchi munnu è munnu a patata è sempre stata a rigina di surchi e de spurie. Se po’ fare vuddruta, stufata, frijiuta o a purè. Ma a meglia sempre è a patata arriganata. E ra patata, è l’ingrediente principale de grispeddre. Prima mu ntavula arriva cci nne vualu suduri e civilizze e ppe chissu iu mo ve cuntu cumu se fha de na patateddra ad avire na patatuna.

Cumu se fhatiga a patata

A fine marzo “a terra vena mpumirata ccu ru fhumiari cchiù maturu”, pue vena arata e fresata e “dopu nzurcata”. Intra ogni surcu se mintanu e patate de simente (stipate de chiddre e l’annu prima), a distanza de nu pede l’una e l’atra e se cummeglianu ccu na pocu e terra. Dopu nu pocu e tiampu chi su nate, prima chi nescianu e zappune, e patate vualu zappuliate e pirinchiute.

Patata: raccolto

Pue vanu abbivirate ogni cinque jiuarni e pompiate ccu ramatu ogni dece. A metà agustu, quannu cumincianu a siccare, se lassanu ripusare.  E a metà settembre se cavanu e se coglianu addrijiannu e grosse de minute e de tagliate. E grosse se stipanu e se vinnanu, e minute se vuddranu a ri puarci e re tagliate se mancianu subitu. Ricurdative sempre ca e patate su bbone assai ccu re vajjianeddre.

Patate e vajianeddre

Lavati e vajianeddre, fhaciti vuddrire l’acqua e cce jjittati e intra. Ntramente cocianu munnati e patate e a metà cottura e jjittati intra a cassalora e re fhaciti cucire nziama fhinu a quannu su belle pastuse. A ra fhine cce ammintati agliu, vasalicoi e nu pipariaddru minuzzatu. Mpiattati, ve siditi e manciati ccu n’urra e pane e nu bbuanu bicchiari e vinu.

patata_ Campo Di Patate

La patata

Ma quanto è bella la patata, così saporita da piacere proprio a tutti. Da quando mondo è mondo la patata è sempre stata la regina di tutta la campagna. Si può fare bollita, stufata, fritta o a purè. La migliore è sempre la patata con l’origano. E la patata è l’ingrediente principale delle grispelle. Prima di metterla in tavola, però, ci vuole tanto sudore e tante cortesie. Per questo io ora vi racconto come si fa da una patatina ad avere una patatona.

Come si lavora la patata

A fine marzo il terreno, fertilizzato con letame maturo, viene arato e fresato. Poi si fanno i solchi e dentro vi si dispongono le patate a distanza di un piede l’una dall’altra. Infine vengono coperte con uno stato di terra. Una volta nate, prima che siano troppo alte le piantine, vengono rinzaffate eliminando anche l’erba cattiva. Di seguito vanno irrigate ogni cinque giorni e trattate con prodotti specifici bio ogni dieci. Quando la fronda comincia a seccare, a metà agosto, si lasciano riposare. Nella prima quindicina di settembre vengono tirare e divise per pezzatura. Le grosse si conservano per il consumo familiare o si vendono e quelle piccole sono ottimo cibo per i maiali. Ricordate sempre che le patate  son tanto buone con i fagiolini.

Patata: Patate E Peperoni

Patate e fagiolini

Lavate i fagiolini e metteteli a cuocere nell’acqua già bollente. Sbucciate le patate, tagliate o intere, e a metà cottura le unite ai fagiolini. Fate cuocere il tutto. Verso la fine aggiungete aglio, basilico, peperoncino fresco e un filo d’olio crudo. Mescolate bene in modo da spezzettare le patate e amalgamare tutti gli ingredienti. Impiattate, servite e mangiate bagnando con ottimo vino.

La storia della patata: dalla terra alla pentola ultima modifica: 2019-08-02T09:30:18+02:00 da Giancarlo Villella
To Top