EVENTI TRADIZIONI

Natale nella tradizione conflentese

il presepe di conflenti
18412,18281,18354,18243,18169,18156,17775

Vuoi aggiungere delle "Foto" a questa sezione? Aggiungi

“A solita zampugna colarusa, ccu ra nive è scinnuta a ra marina e mo de viantu e de lamiantu china, sona ra ninna ad ogne porta chiusa.” 

Natale

Mi è sempre piaciuto pensare che Butera con questi versi, volesse descrivere l’arrivo del periodo natalizio nel nostro paese.
Già dalla festa dell’Immacolata in ogni casa si cominciano a preparare presepi e alberi di natale e i balconi e i vicoli cominciano a sfavillare lucine di mille colori.

Una volta andavamo per i boschi a raccogliere il muschio per il presepe e i personaggi erano fatti di legno o creta e tutta la famiglia ci lavorava con passione. A casa mia la grotta la faceva papà lavorando la creta che andavamo a scavare insieme. Anche se pioveva o nevicava il giorno dell’Immacolata con papà andavamo in pineta a tagliare l’albero e una volta a casa lo addobbavamo tutti insieme con tutto ciò che avevamo anche pezzi do stoffa e tappi di bottiglia. A scuola preparavamo la recita e ognuno a casa si preparava il costume da mettere. Io avevo le grandi ali di cartone e la tunica di carta crespa.

A Natale, le strade e i vicoli si vestono a festa. Corse e giochi di bambini, scoppio di petardi. La messa è più frequentata del solito e in giro c’è qualche turista venuto per la festa. Ogni famiglia prepara grispedde, buccunotti e turdiddri. Qualcuno ammazza il maiale così c’è carne genuina per il cenone. Nei giorni vicini al Natale girano gli strinari e i più gioiosi ballano per strada. In qualche rione si ammucchia la legna per la “Fhocara. Natale è ormai vicino.

La sera della vigilia per vie e piazze c’è aria di gioia, si accendono le “fhocare” e nelle cucine fervono i preparativi.
Per il cenone si preparano “tagliarini”, lasagne, minestra di verze ccu curacchi, gamberoni e e calamari, arrosto, zampone con lenticchie, insalata, giardiniera, sazizza, supprissata, formaggi.
Verso le otto ci si ritrova tutti a tavola e si cena annaffiando il tutto con buon vino. Verso le undici si taglia il panettone, si apre lo spumante e si brinda.

Poi ci si prepara e si va a messa. Finita la messa sul sagrato ci si scambiano gli auguri, si chiacchiera un po’ al calore della fhocara e si torna a casa. La mattina di Natale si va a messa e tornati a casa si pranza.
Il pomeriggio c’è Babbo Natale con giochi per i bambini e si passeggia per le strade del paese.

 

NATALE
di Vittorio Butera

‘A solita zampugna colarusa,

Ccu ra nive, è scinnuta a ra marina;

E, mmo, de vientu e dde lamientu chjna,

Sona ra ninna ad ogne pporta chiusa.

E’ ra santa Vijìlia de Natale.

Sona, zampugna! Sona ‘a Pasturale!

Sona! Pped’ogne nnota chi me porta,

Mo chianu chianu e mmo cchiù fforte ‘u vìentu,

Intra ‘stu core miu turnare sientu

Tutta ‘na vita chi cridivi morta,

E mmi s’acqueta ‘n core ogni tturmientu

E ppassu supra ad ogne ccosa storta.

Mentre staju ccussì, tra dormebbiglia,

Trase ru suonu duce de ‘na n’gaglia;

M’accarizza re ricchie, me rispiglia,

E mme porta, ccussì, cumu ‘na paglia,

Ppe’ fforza de va vide quale ‘ncantu,

A ttiempi ‘e mo luntani ‘u ‘sse sa qquantu

E, all’umbra de ‘na granne ciminera,

Viju ‘n ‘ardente, caru fuocularu;

’Nu zuccu ‘ncarpinatu paru paru

Arde ccumu ‘na cima de jacchèra;

’Ntuornu cce su’: ‘nna vecchiarella accorta

E Nnannu e Ttata. Mamma, no! M’è mmorta!

‘A vecchiarella mia, fusu e ccunocchia,

Fila ccumu sulìadi ‘n quatraranza;

Iu le zumpu cuntientu a re jinocchia,

Illa me cunta llesta ‘na rumanza…

E ra zampugna sona ‘n luntananza

E ri cumpagni mie le fàu ra rocchia,

Sona, zampugna! Pòrtame luntanu,

A ri tiempi filici ‘e quatraranza;

A Nnanna chi filava cchianu chianu

’Ntramente me cuntava ‘nna rumanza;

A ru zuccu chi ardìa, ssempre cchiù cchiaru

Sutt’a camastra de ‘nu fuocularu!

 

Le foto che vedete nell’articolo sono state prese dal gruppo facebook ItConflenti.

Gli alberi di Natale sono stati addobbati dai Conflentesi per abbellire le vie del paese, è una bella iniziativa che contribuisce a creare l’atmosfera natalizia che è fatta di simboli, come l’albero di Natale ma, soprattutto, di spirito di collaborazione e di solidarietà.
Se manca la foto di qualche albero di Natale, aggiungetela voi nei commenti.

Buone feste a tutti!!!!

Giancarlo Villella

Autore: Giancarlo Villella

Mi chiamo Giancarlo Villella nato ai Tiarmuni ( Conflenti) il 5 febbraio 1971. Diplomato all’industriale, emigrato mai partito, tornato ancora più innamorato di Conflenti.

Natale nella tradizione conflentese ultima modifica: 2017-12-23T15:16:19+00:00 da Giancarlo Villella

Commenti

To Top