I CONFLENTESI RACCONTANO CONFLENTI

itConflenti

MEMORIA NATURA

A prisa e Marignanu: come, un tempo, si ripulivano i canali

prisa e marignanu: Salicara Copertina

Una volta quando tutti i terreni delle nostre contrade erano coltivati c’era la necessità di reperire l’acqua per irrigare campi e orti. Tutta la zona che va dalla Salicara all’Ardanu era, ed è, servita dalla “Prisa e Marignanu” che riceve l’acqua dell’omonimo fiume.

Come si ripuliva a prisa e Marignanu

Quannu iu era quatrariaddu a duminica dopu Santu Nicola (terza di maggio) i contadini da zona mia se juncianu a ra Salicara ppe’ jjire a pulizzare a “Prisa e Marignanu” ca se cuminciava a chiantare e ra rrobba vulia abbivirata. Eranu na trentina e pirzune: Riganiaddri, Niuri, Sabbeddra, Purziani, Schiatti, Rari, Mete, Pagani, Minnicini, Gragagli, ‘Ntonariaddri, Carulli, Vesciu, Marchi, Juriddri. Avanti jianu fauci, runche e gacce ppe tagliare erva, ruvette e arvuli. Pue c’eranu e tridenti ppe’ cacciare de intra a prisa l’erba tagliata. A seguire pichi e zappuni allargavanu e spianavanu a prisa e a ra fine c’eranu chiddri ccu ra pala chi, cacciannu a terra, rifhinianu u lavoru.

Quando io ero un ragazzino, la domenica successiva a San Nicola, i contadini della mia zona si riunivano alla Salicara per andare a ripulire il canale d’irrigazione di Marignano poiché si cominciava a coltivare e, dunque, le piantine necessitavano di acqua. Erano una trentina. Avanti andavano i contadini muniti di falci e accette per tagliare l’erba e le spine. Poi c’erano i tridenti che toglievano l’erba selciata dal canale. A seguire, coloro con picconi e zappe che allargavano e spianavano il canale. E, infine, i contadini con le pale che toglievano la terra e rifinivano il lavoro.
Noi bambini andavamo avanti e indietro per portare l’acqua e il vino ai lavoratori e per dare una mano a qualche vecchietto più stanco.

prisa e marignanu: Cascatina

Campi irrigati, dalla Salicara all’Ardano

Arrivati “ara Petra u Vecchiariaddru” ne sidiamu supra e petre e rapiriamu i stavucchi ppe ammurzare. Fhurnutu u murziddru, armi e zainu in spalla ne ricugliamu. Dietro rimanevano i più giovani che, “scanzata l’acqua” du jiume a ra prisa, a lavavanu e attappavanu ncunu tapinaru. A ru pinninu da Salicara all’Ardanu ognunu pulizzava finu a ru scanzaturu sue. Ed era ccussi chi l’acqua è Marignanu arrivava a jumarata fhinu all’Ardanu abbivirannu l’uarti e ri campi da Salicara, di Tiarmuni, de Martazza, de Vasta, de Pastine, de Ciampiaddru, de l’Ardanu.

Arrivati “ara Petra u Vecchiariaddru” ci sedevamo sulle pietre e facevamo uno spuntino. Finito di mangiare, attrezzi e zaini in spalla e si ritornava a casa. Dietro restavano i più giovani che, una volta deviata l’acqua del fiume nel canale, lo pulivano e otturavano qualche buco scavato dalle talpe. Scendendo dalla Salicara fino all’Ardano, ognuno puliva il pezzo fino alla propria deviazione. Ed era così che l’acqua da Marignano arrivava fino all’Ardano irrigando orti e campi della Salicara, di Termini, di Martazza, di Vasta, delle Pastine, di Ciampello e dell’Ardano.

Petra u vecchairiaddru

L’acqua veniva suddivisa in turni in base alla grandezza dei terreni. Ogni contadino, quando toccava il suo turno, andava a “scanzarla” dallo “scanzaturo” del turno precedente. E se capitava che la portata d’acqua diminuiva, “se jia a forzare l’acqua” dallo “scanzaturo” principale ara Petra u Vecchiariaddru.
Oggi tutto questo lavoro è stato velocizzato mettendo canale di cemento, tubi di polietilene e saracinesche, per tagliare l’erba si usano i taglia erba a motore e poi i contadini sono pochi e la terra è incolta. Ma, visti i tempi è li che dovremo tornare: alla terra, e, quindi, a “Prisa e Marignanu” servirà ancora.

A prisa e Marignanu: come, un tempo, si ripulivano i canali ultima modifica: 2020-04-06T10:12:52+02:00 da Giancarlo Villella
To Top