Halloween, anche in Calabria ha una sua tradizione - itConflenti

itConflenti

FESTA LO SAPEVI CHE MITI E LEGGENDE

Halloween, anche in Calabria ha una sua tradizione

Halloween Zucche E Biscotti

Arrivato in Italia dall’America, Halloween è ormai entrato a far parte anche della nostra cultura. Intorno a metà ottobre, in tutti i supermercati, negozi per la casa e pasticcerie, si trovano tantissimi prodotti a tema. I bambini si mascherano e in molte città nostrane ci si trova a dover rispondere alla domanda “dolcetto o scherzetto?“ L’usanza di mascherarsi per poi bussare alle porte pretendendo dei dolci risalirebbe invece al Medioevo. All’epoca in occasione di Ognissanti i più poveri vagavano di casa in casa chiedendo un’elemosina, offrendo in cambio preghiere per i loro morti il giorno della Commemorazione dei defunti (il 2 novembre). Questa tradizione era presente in Irlanda e Gran Bretagna, ma ci sarebbero tracce di usanze di questo tipo anche nel Sud Italia.


Le origini di Halloween sono da ricercarsi in una festa che ha radici nella cultura irlandese, dove il popolo dei Samain considerava il primo di novembre come uno dei giorni più importanti dell’anno. “All Hallows Eve”, infatti, è la vigilia di Ognissanti, la notte in cui si credeva che i morti oltrepassassero il velo che separava l’aldilà. In America le prime tracce di questa festa, arrivano con la colonizzazione britannica. Ufficialmente, però, si diffonde nella seconda metà dell’Ottocento. Gli irlandesi, giunti in America a seguito della Grande Carestia, importarono questa tradizione, che con il passare degli anni assunse sempre più un carattere diverso, fino a diventare Halloween così come oggi la conosciamo.

La festa di Halloween ha origini calabresi

Pensate che la festa di Halloween sia estranee alle nostre tradizioni? Niente di più sbagliato! Sono molte le tradizioni italiane tramandate da secoli che presentano caratteristiche molto simili a quelle anglosassoni.

A sostenere che Halloween sia di origini calabresi è il noto antropologo calabrese, originario di Briatico, Luigi Maria Lombardi Satriani. Secondo Satriani, l’origine della notte delle streghe non è anglo-sassone, ma risale ai tempi delle migrazioni in America dei contadini calabresi, i quali nella notte tra l’1 e il 2 novembre solevano rappresentare l’arrivo dei morti svuotando una zucca e mettendoci dentro una candela.

Halloween e la tradizione della zucca

La zucca intagliata è il simbolo della festa ed è un’altra usanza ispirata alla cultura celtica: per scacciare gli spiriti maligni, i Celti trasformavano le rape in facce mostruose, svuotandole e inserendo una candela all’interno per illuminare la via e indicare il cammino agli spiriti buoni. Le rape intagliate passarono alla storia come Jack O’ Lanterns, per via di una famosa leggenda irlandese che narra di un fabbro ubriacone di nome Jack che aveva fatto un patto con il diavolo e, una volta perso, fu condannato a girovagare il mondo di notte vagando sulla terra come un’anima errante, con la testa ardente riposta in una rapa vuota. La scelta degli americani di continuare la tradizione è caduta poi sulle zucche per il gran numero presente negli Stati Uniti.

Tradizione della zucca in Calabria

Usanze legate alle zucche si ritrovano anche nelle tradizioni calabresi, in particolare a Serra S. Bruno (Vibo Valentia). Qui è viva la tradizione del “Coccalu de muortu”: i ragazzini, dopo aver intagliato e modellato le zucche, bussano agli usci delle case o fermano la gente per strada, tenendo in mano le loro creazioni esclamando: “Mi lu pagati lu coccalu?” (Me lo pagate il teschio?) . Questa tradizione ricorda molto quel “dolcetto o scherzetto?” della tradizione anglosassone.

Bambina Con Un Sacchetto
Foto di Jill Wellington da Pixabay 

Halloween a Conflenti

Anche a Conflenti,  nell’ultimo ventennio, questa festa, considerata da tanti come una festa puramente consumistica e pagana, ha preso il sopravvento. La sera del 31 ottobre, i bambini travestiti si aggirano per le strade del piccolo borgo bussano alle porte delle case a caccia di dolci richiesti con la tipica formula “dolcetto o scherzetto”? Ovviamente, per tutti noi rimane una festa pagana che viene vissuta soprattutto come una buona occasione per divertirsi, una sorta del nostro Carnevale.

Halloween, anche in Calabria ha una sua tradizione ultima modifica: 2021-10-31T09:15:31+01:00 da Redazione

Commenti

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Promuovi la tua azienda in Italia e nel Mondo
To Top
2
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x