CUCINA CONFLENTESE CUCINA TRADIZIONALE TRADIZIONI

“I Buccunotti” una tradizione tutta cujjintara

I Bucconotti: appena usciti dal forno

Buccunotti. Foto di Felici e Conflenti

19996,19130,18849,18855,18861,18867,18841,18412,18354,18243,18169,18156,17775

Vuoi aggiungere delle "Foto" a questa sezione? Aggiungi

I “buccunotti” sono dei dolci tipici della tradizione abruzzese, molisana, salentina, pugliese e calabrese. Il loro ripieno varia secondo le località in cui è prodotto. I “buccunotti” sono preparati, da generazioni nelle case dei “cujjintari”. Ancora oggi la tradizione della ricetta si tramanda di famiglia in famiglia, con numerose varianti. Sono dolci presenti in ogni occasione: per matrimoni, cresime, comunioni, battesimi e perché no, anche nelle feste natalizie e pasquali.

La ricetta dei buccunotti

I primi erano un tempo farciti con la tradizionale mostarda d’uva,  rigorosamente, di uva nera, che oggi, spesso, lascia il posto a semplici marmellate fatte in casa. Oltre alle marmellate, i “buccunotti” possono essere ripieni di cioccolato, mandorle tostate e cannella. In entrambi i casi, una volta cotti sono cosparsi di zucchero a velo. Gli stampi adatti alla preparazione di questi dolci sono ovali o rotondi, con i bordi ondulati, svasati e in metallo.

“ Se vuoi che ti vengano buoni, devi metterci lo strutto”.
(Detto delle nonne)

Ingredienti

  • 1,5 – 2 kg di farina 00. La quantità è orientativa, dipende da quando ne assorbe l’impasto, che deve risultare morbido
  • 800 gr di zucchero
  • 800 gr di strutto
  • 12 uova
  • due bustine di lievito per dolci
  • la scorza di due limoni
  • mostarda d’uva
  • zucchero

Buccuotti: donne preparano questo dolce tipico

Preparazione

Setacciate la farina su un piano di lavoro, formando con essa una fontana nella quale mettere, uno per volta, le uova. Mescolate il tutto. In seguito unite lo strutto, lo zucchero, il lievito e la scorza del limone impastando bene, fino a ottenere una pasta compatta con la quale formare un panetto. Non lavorare troppo l’impasto, altrimenti assorbe sempre più farina. Imburrare e infarinare le formine. Poi prendere un po’ di pasta e stenderla per ottenere una sfoglia di un mezzo centimetro. Formate delle pinne, ossia cerchi dalle dimensioni della formina, e ponetele all’interno delle formine di acciaio, facendo aderire in tutto lo stampo. Riempite con un cucchiaino di mostarda d’uva.

Buccunotti

Foto di Katia Stranges

Stendete un’altra parte del panetto, ritagliate un altro cerchio e coprite la formina. Premete bene sui bordi per evitare la fuoriuscita della mustarda ed eliminate la pasta in eccesso. Ponete le forme su una teglia, non molto vicine, facendo cuocere in forno preriscaldato a 180° per 20 minuti circa. Una volta cotti fateli raffreddare, toglieteli dalle forme. Infarinate nello zucchero. E sono pronti da gustare. Attenzione a non scottarvi con la mostarda!

Veronica Carullo

Autore: Veronica Carullo

“Fai quello che ami e non lavorerai un solo giorno della tua vita”.

“I Buccunotti” una tradizione tutta cujjintara ultima modifica: 2018-10-29T09:00:45+02:00 da Veronica Carullo

Commenti

To Top