CONFLENTI NATURA PASSEGGIANDO

Tutto ora riprende vita e si colora: Benvenuta primavera

Primavera

“Un minuto di primavera
dura spesso più a lungo
di un’ora di dicembre
una settimana di ottobre
un anno di luglio
un mese di febbraio”.
(Jacques Prévert)

La primavera è una delle quattro stagioni in cui è diviso l’anno. Nell’immaginario collettivo è vista come la stagione della rinascita, dopo il lungo letargo invernale. I fiori sbocciano, gli alberi si colorano di verde, le prime rondini iniziano a invadere il cielo azzurro e, con il loro canto, sembrano urlare al mondo che la bella stagione sta arrivando. È come se tutto assumesse le sembianze di un cuore che, lentamente, ricomincia a battere.

L’arrivo della primavera è emozionante, ci insegna il passo leggero di chi sa cosa vuole e perché. Una sorta di campanello che ci fa capire che è il momento di piani e di progetti. Stare in casa diventa una perdita di tempo: meglio precipitarsi fuori, fare una bella passeggiata, immergersi nella natura e farsi trascinare dall’euforia.

Conflenti rivive

Conflenti durante i mesi primaverili è come un bambino che inizia a camminare. Le giornate si allungano, il paese sembra vestito a festa, le montagne s’intingono nella calura azzurra, l’aria cambia e poter godere dei raggi di sole anche alle sei di sera ci scalda l’anima. Si respira un profumo di speranza che va di pari passo con lo sbocciare dei fiori di ciliegio. I “cujjintari” iniziano a uscire più spesso per andare a giocare a calcio, oppure semplicemente per passeggiare e assaporare i primi gelati, riunendosi al bar o in piazzetta. S’inizia a pensare a dove trascorrere la pasquetta e a preparare tutto per l’immancabile “juarnu a Madonna”, per i paesani l’evento più importante. Nessuno sembra avere la voglia di starsene chiuso in casa a guardare la televisione, a studiare e fare i compiti.

Ogni cosa assume un senso.

Uscendo dalla propria abitazione, si può ammirare la bellissima luce emanata dal paesaggio. Ciò che si nota è un gioco di colori meravigliosi che, unito ai rilassanti suoni che si sentono tutto il giorno, rilassa il corpo e la mente. È come se Conflenti si trasformasse in qualcosa di unico e magico, ma esiste veramente una stagione che può cambiare radicalmente un posto? O siamo noi, con il nostro bagaglio di emozioni a trasformarlo?

Non dimentichiamoci che le nostre emozioni sono i grandi capitani della nostra vita e che obbediamo a loro senza saperlo.
Buona primavera a tutti!

 

 

Veronica Carullo

Autore: Veronica Carullo

“Fai quello che ami e non lavorerai un solo giorno della tua vita”.

Tutto ora riprende vita e si colora: Benvenuta primavera ultima modifica: 2019-03-21T09:17:43+02:00 da Veronica Carullo

Commenti

To Top