itConflenti

ARTIGIANATO NATURA TRADIZIONI

Ornella Roperti e l’arte di tingere le fibre in modo naturale

Cavolo E Fibre Di Ginestra

Il tingere in modo naturale è un’arte antichissima nata con la capacità stessa di trasformare le fibre naturali in tessuti e indumenti. Ornella Roperti ha deciso di condividere con noi la tecnica di tintura naturale delle fibre di ginestra. Un’idea originale e un modo in più per essere amici della natura! Dobbiamo tornare alla natura facendo tesoro delle sue peculiarità, partendo dai prodotti che ci mette a disposizione e copiando da essa riflettendo sul fatto che Madre Natura ci offre tutto quello di cui abbiamo bisogno.

Ornella, com’è nata questa idea?

La curiosità e la passione sono nati quando ho deciso di tessere la ginestra ed ho scoperto qualcosa alla quale non avevo mai prestato particolare importanza, la tintura naturale! Tutto si puo tingere con i prodotti della natura!
La ginestra è un filato molto particolare che merita un trattamento diverso rispetto alle fibre di cotone e della seta così, ho provato a fare i miei primi esperimenti su dei tessuti che avevo realizzato io stessa al telaio.

Quali sono i prodotti naturali che utilizzi per tingere?

La tintura dei filati di ginestra è a base di coloranti naturali, ottenuta da fiori, foglie, bacche e corteccia di piante. E’ un procedimento antichissimo! Ho ottenuto il lilla con il cavolo rosso, il giallo con i fiori di ginestra, il rosa con la cocciniglia, il marrone con la cipolla rossa, il rosso scuro con i fichi d’india e per ultimo il blu, il mio colore preferito, con il guado.

Gomitoli Di Fibre Di Ginestra


Ogni tipo di fibra deve essere preparata prima della colorazione e questa operazione si chiama mordenzatura. La fibra di ginestra che al suo stato naturale ha un colore giallo pallido, prima di essere sottoposta a tintura, deve essere lavata da eventuali impurezze e ammorbidita con il sapone fatto in casa.

In cosa consiste la mordenzatura?

La mordenzatura è una fase molto importante perché è il processo che prepara le fibre o i tessuti a legarsi con i coloranti naturali in modo stabile e avviene attraverso l’uso dei mordenti, solitamente vengono utilizzati sali di origine minerale che aiutano a fissare il colore.
Io ho usato allume di potassio che garantisce la stabilità del colore e il cremor tartaro che ammorbidisce il filato ma, fa variare il colore. 

6099b4f5b20f8 6099b4f5b20fcsapone Fatto In Casa Fibre Di Ginestra.jpg


Il procedimento è semplice, per prima cosa bisogna pesare il materiale da tingere asciutto e poi bisogna calcolare le percentuali di mordente in base al peso totale della fibra. La quantità consigliata è il 16% di allume di potassio e il 6% di cremortartaro.
Si sciolgono le polveri in acqua calda a 40º e vi si immergono i tessuti precedentemente inumiditi. Si lasciano a bagno per un giorno e poi si fanno asciugare a temperatura ambiente.
Il grande pregio dei coloranti reattivi è la grande varietà di colori ottenibili, dai toni brillanti che difficilmente altre sostanze riuscirebbero a conseguire.

Bacinella Con Dentro Il Colorante

Cosa ti auguri?

l livello che ho raggiunto con questa pratica artigianale di tintura mi  permette di realizzare manufatti ottenendo composizioni armoniche e delicate, non troppo vistose. I colori naturali sono esteticamente molto diversi da quelli chimici: sono colori complessi che si combinano fra loro in modo sorprendente. Mi auguro che quando saranno offerti al pubblico la percezione del colore e della sua bellezza sia capita. E’ un po’come offrire un fiore vero o uno di plastica.

Ornella Roperti e l’arte di tingere le fibre in modo naturale ultima modifica: 2021-05-11T09:00:00+02:00 da Lucy Stranges

Commenti

Subscribe
Notificami
guest
1 Comment
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
Promuovi la tua azienda in Italia e nel Mondo
To Top
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x