itConflenti

DIALETTO PERSONAGGI

“Ode a ri Cujjianti”di Giancarlo Villella

Giancarlo 3

“Mi chiamo Giancarlo Villella nato a Tiarmuni (Conflenti) il 5 febbraio 1971. Diplomato all’industriale, emigrato mai partito, tornato ancora più innamorato di Conflenti”. Ed è così che il nostro caro Giancarlo si presenta ai lettori di itConflenti, il blog per il quale insieme ad un gruppo di amici ha aderito all’ambizioso progetto di italiani.it con l’obiettivo e il desiderio di far conoscere al mondo intero le storie, le meraviglie e le curiosità di Conflenti.

Giancarlo è un amante della poesia dialettale e soprattutto dei versi del poeta Vittorio Butera. Partecipa attivamente alle iniziative organizzate dalla Pro Loco e dall‘Associazione Culturale “Confluentes. Associazione che promuove lo sviluppo umano e culturale della comunità attraverso l’organizzazione di attività culturali, ricreative e sociali nella comunità conflentese. Tra le iniziative più consolidate c’è il Concorso Regionale di Poesia Dialettale “Vittorio Butera”. Pensato non solo per far conoscere il poeta Butera ma anche per diffondere la cultura e le tradizioni in Italia e nel mondo.

Amante della scrittura, Giancarlo si diverte a scrivere bellissime poesie dialettali in cui racconta Conflenti, ricordi di un passato che non tornerà mai più. Con la poesia “Ode ari Cujjianti” ha partecipato al concorso di poesia dialettale “Vittorio Butera”. Proviamo, insieme, a conoscerlo, sotto le spoglie di poeta, leggendolo e ascoltando, se possibile, la voce del suo cuore e la delicatezza dei suoi versi.

"Ode a ri Cujjianti"


T'aiu vistu Cujjianti caru
assittatu luangu luangu
a ri piadi e Rivinti
nu chit'ammanta paru paru
cumu nu gioiellu raru.

Aiu vistu trempe e cavuni
diventare uarti e vaddruni
cca campi simminati
a linu e a granu, ddra
liviti e vigneti, cchiu ddra 
ancora fureste de pini e 
de castagne.
 
Aiu vistu u Rilucente 
guidare a ri piadi de Mari
appe circare aiutu e grazie, 
gente de ogni paise e via.
 
Se figliuma sugnu cca,
assittatu e ammantatu
de tiampi assai luntani,
de quannu e petre de ssu jume,
'ncapu a fhimmine 
sagliute e de uammini murate, 
su diventate case, su diventate fhamiglia e
chire fhamiglie su diventate paise.
 
E mò, si arricchìu verzu sta jumara siantu gente chi cunta storie antiche, 
siantu a Butera chi canta
a vita da vita mia e a
Maria nun circu autru, 
sulu a protezione du mantu sue ppe tuttu u munnu e l'umana gente.




“Ode a ri Cujjianti”di Giancarlo Villella ultima modifica: 2021-09-28T08:18:00+02:00 da Redazione

Commenti

Subscribe
Notificami
guest
1 Comment
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
Promuovi la tua azienda in Italia e nel Mondo
To Top
2
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x