itConflenti

DIALETTO LO SAPEVI CHE

Marzo è il mese in cui bisogna “tingere” il sole. Lo sapevi?

Sole

E’ arrivato marzo, un mese pazzerello e giocherellone a cui piace fare brutti scherzi e per questo, considerato molto pericoloso. Sono tanti i detti, i proverbi e le leggende che si legano a esso ma oggi ne vogliamo raccontare una alquanto originale.
Secondo un’antica usanza conflentese per evitare di andare incontro a guai e sciagure, il primo giorno di marzo, i nostri antenati tingevano il sole.

Sei curioso di sapere come tingevano il sole di marzo?

Poco prima di mezzanotte, oppure al sorgere del sole, ai primi raggi di luce, con del carbone venivano segnate sulla parete esterna della casa tre croci. C’era chi usava farlo sul davanzale delle finestre o chi segnava le tre croci sul numero civico dell’abitazione. Ad ogni modo, il rito doveva svolgersi prima che il punto prescelto venisse raggiunto dal sole. In tutti e tre i casi, segnando le croci, contemporaneamente si pronunciava la frase: “È miagliu ppemmu mammata te ciancia ca pemmu u sule e marzu te tince“. In questo modo si era protetti dai poteri oscuri e malefici di marzo.

Cosa resa di questa tradizione?

Com’è accaduto per altre usanze e per altri riti, nonostante la formula sia arrivata ai nostri giorni, non viene più praticata; ormai il rituale è andato perduto. A noi giovani rimane di essere testimoni di una eredità che apparteneva e dato vita alle nostre radici.

Marzo è il mese in cui bisogna “tingere” il sole. Lo sapevi? ultima modifica: 2021-03-01T09:00:00+01:00 da Redazione

Commenti

Subscribe
Notificami
guest
1 Comment
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
Promuovi la tua azienda in Italia e nel Mondo
To Top
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x