I CONFLENTESI RACCONTANO CONFLENTI

itConflenti

MITI E LEGGENDE

Arriva l’Epifania: la notte più magica che ci sia!

Epifania

“Epifania: tutte le feste porta via!”. Sì, perché dopo gli innumerevoli pranzi, cene, aperitivi, rimpatriate con parenti e amici, si torna alla normalità. Non prima, però, di concedersi un’ultima abbuffata in occasione dell’Epifania. C’è chi si diletta con l’ultimo cenone del periodo natalizio, la sera del 5 gennaio, chi festeggia a pranzo, chi in entrambi i casi. Ma qual è il significato di questa ricorrenza? E soprattutto, sapevate che in Calabria quella dell’Epifania è una notte magica?

Origine dell’Epifania

Dal greco epifàino (mi rendo manifesto) e epifàneia (apparizione, venuta), il termine nasce con un significato religioso. Al tempo dei greci e dei romani veniva, infatti, utilizzato per designare le manifestazioni delle divinità. Durante le celebrazioni pagane legate al solstizio d’inverno queste si  palesavano nel naos, il cuore del tempio. Con l’avvento del Cristianesimo e a partire dal VI secolo, il 6 gennaio celebra, per l’appunto, la prima manifestazione pubblica di Cristo all’umanità. Con la venuta dei Re Magi per adorare il bambino Gesù. Perché proprio questa data? Sempre secondo gli antichi romani, questa giornata pone il termine al ciclo dei dodici giorni (uno per ogni mese dell’anno) iniziato il 25 dicembre. Il giorno dedicato al Sole. E se quest’ultimo è stato scelto dai Cristiani come giorno di Natale, dalla festa pagana del Sol Invinctus, il sesto giorno di gennaio era solitamente dedicato alla dea Diana.

Re Magi
Il 6 gennaio celebra la prima manifestazione pubblica di Cristo, con la venuta dei Re Magi

La storia della Befana

Sembra, infatti, che durante le celebrazioni del Natalis Solis Invicti dell’antica Roma, la Dea dell’abbondanza e della cacciagione, attraversava i campi per seminare fortuna. A conclusione dei 12 giorni si celebrava la morte e la rinascita della natura e, quindi, nei culti più antichi come quelli romani, si solennizzava l’epifania di Madre Natura. E in tutto ciò cosa c’entra la Befana? Esistono diverse leggende sulla figura dell’anziana signora che “vien di notte con le scarpe tutte rotte, con le toppe alla sottana…”. Il nome, altro non è, che una storpiatura di Epifania. Secondo una prima versione pare discenda proprio dalla figura di Diana. La Dea non era, ovviamente, raffigurata come brutta e vecchia. Fu la Chiesa Cattolica, per condannare i riti propiziatori pagani a trasformare la Befana in una strega.

Epifania
La Befana vien di notte con le scarpe tutte rotte, con le toppe alla sottana, viva, viva la Befana!

Secondo una leggenda più popolare, invece, i Magi, avendo difficoltà a raggiungere la grotta di Gesù Bambino, chiesero informazioni a un’anziana signora. La invitarono a seguirli ma ella rifiutò. In seguito, procurata dalla coscienza di aver fatto male, preparò un cesto di dolci e provò a cercarli. Si fermò in tutte le case e, sperando di incontrare il piccolo Salvatore, faceva regali agli infanti. Da quel giorno, per farsi perdonare, gira il mondo per dispensare doni (e carbone). Quando? Ovviamente, nella notte tra il 5 e il 6 gennaio.

Calze Befana
La Befana gira il mondo per dispensare doni, nella notte tra il 5 e il 6 gennaio.

Una notte magica

Una notte magica, nel verso senso della parola, in cui accadono prodigi e meraviglie, che sicuramente non sfuggono alla memoria dei conflentesi. Un esempio? L’olio che scorre dalle fontane al posto dell’acqua. Oppure ancora, le Anime del Purgatorio che “passano” da casa dei propri parenti. Per questo si lascia la tavola apparecchiata. Pane, acqua e gli angoli della tovaglia piegati, rigorosamente, all’insù. Ma è anche la notte in cui gli animali parlano. Si, avete capito bene. Possono addirittura svelare maltrattamenti subiti dai loro padroni col rischio di profezie di sciagure e morte. Così, non è raro vedere cambiare atteggiamento qualche giorno prima del 6 gennaio. Gli animali vengono nutriti in abbondanza, sperando, in questo modo, di evitare eventuali disgrazie.
Insomma,  miti o leggende che siano, nella notte dell’Epifania è tutto una magia!

Arriva l’Epifania: la notte più magica che ci sia! ultima modifica: 2020-01-03T09:00:00+01:00 da Mariateresa Marotta
To Top