itConflenti

LO SAPEVI CHE PERSONAGGI

Uno stilista a Conflenti

Antonio Roperti Uno Stilista A Conflenti

Uno stilista a Conflenti… Tratto dal blog “Dialetto Conflentese” di Antonio Coltellaro


Nella prima metà  del Novecento a Conflenti, tra i tanti sarti, ce n’era uno, ritenuto dai conflentesi, in genere non sempre pronti a riconoscere i meriti dei compaesani, molto bravo. Si chiamava Pietro Roperti (Pietru ‘e Rosa) e lavorava soprattutto per le donne. Si servivano da lui i nobili del paese e quelli dei dintorni (ad esempio: i Colosimo e i Sacchi di Motta Santa Lucia).
Era al livello dei più rinomati stilisti di oggi. Ogni tre anni si recava negli Stati Uniti per aggiornarsi. Per cucire gli abiti andava lui stesso, nei paesi vicini, presso le case dei nobili dove gli veniva riservata una stanza con la macchina da cucire e dove restava ospite sino ad opera completata. Oppure ospitava lui stesso i clienti nella sua casa in una stanza a pianterreno che aveva adibito a locanda.
Tra questi ci furono i Bertucci di Cosenza e i Cataldi  di Nicastro. Fu ospite anche di don Luigino Costanzo, poeta e letterato di Adami.

Famiglia Di Pietro Roperti
Pietro Roperti con la moglie, tre figli e un nipote.

Per un lungo periodo  fu anche l’incaricato dell’ente regionale dell’energia elettrica di allora  e di cui era azionista del pagamento delle bollette della luce. La moglie Maria Rosaria Morelli proveniva da Amantea, da una famiglia di parrucchieri (il padre veniva a Conflenti per servire le nobildonne del luogo). Era anche lei sarta e si occupava soprattutto dei vestiti delle pacchiane.

Uno stilista a Conflenti ultima modifica: 2021-05-29T11:00:00+02:00 da Redazione

Commenti

Subscribe
Notificami
guest
4 Commenti
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
Promuovi la tua azienda in Italia e nel Mondo
To Top
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x