Una storia del secolo scorso (Guerra '15- '18) - itConflenti

itConflenti

MEMORIA STORIE VALORI ED EMOZIONI

Una storia del secolo scorso (Guerra ’15- ’18)

Una storia vera tratta dal libro “Novecento Conflentese ” di A. Coltellaro

Gioia mia, bellizza mia; vieni cà ca t’aju e dire;
riposate nu pocu,  un tinne jire, ca te cuntu na storia de na vota.

Era ancora  quatrara quannu patrima me maritau cu n’uominu chi mancu canuscia. U juornu prima e me maritare jocava ancora a ra campana cu re cumpagne mie avanti a ghiesa.
Na fimmina chi passava m’ha dittu: cumu!? Domani te mariti e ancora juochi ?
A verità: a ru maritu un ce penzava.

Un sapia fare nente; m’aiu duvutu e mparare tuttu:
Cucinare lavare, stirare e  a ra roba puru avia de jire.
Simu stati nzieme n’annu, pue maritumma è partutu pe ra guerra,
lassannume cu nu figliu appena natu.
Quale guerra? Un ru sacciu.
Cuntra chine? Quante cose vue sapire! Certu, nu nimicu.
Duv’è jutu? Chi ne sacciu! Nessunu me l’ha dittu.

Me scrivia ch’era a ru fronte. C’era nu timbru chi dicia: zona di guerra.
Su passati tanti misi e de littere n’aju ricevutu tante.
Me scrivia: Cara moglie, riguardative e stative attenta a ru guagliune! Spieru priestu de tornare!
Ogni littera era na gioia pecchì sapia ca era vivu.
Pue silenziu; nente littere e nente cartoline.
Cu na littera ufficiale m’anu scrittu ch’era muortu.

Sugnu rimasta sula cu nu figliu;
cu tanti sacrifizi l’aju crisciutu.
Pue quannu s’è fattu granne sinn’è jutu pe ra via sua
e sugnu rimasta sula  chiù de prima.

Chi n’aiu avutu e chista vita?
Sula, sempre sula. A scocciare rusari e ad aspettare a gente chi un benia mai.

Storia

Traduzione

Gioia mia, bellezza mia; vieni qua, ti devo dire una cosa;
Riposati un poco, non andare via, ti racconto una vecchia storia d’altri tempi.

Ero ancora bambina quando mio padre mi fece sposare con un uomo che nemmeno conoscevo.
Il giorno prima di sposarmi giocavo ancora alla campana con le mie compagne davanti la chiesa.
Una donna che passava mi disse: come?! Domani ti sposi e ancora giochi?
La verità: non stavo pensando al mio futuro marito.

Non sapevo fare niente; ho dovuto imparare tutto: cucinare, lavare, stirare e dovevo anche lavorare la terra.
Siamo stati insieme un anno, poi mio marito è partito per la guerra lasciandomi con un bambino appena nato.
-Quale guerra? Non lo so.
-Contro chi? Quante cose vuoi sapere! Di certo, un nemico.
-Dov’è andato? Non lo so! Nessuno me lo ha detto.

Mi scriveva che era al fronte. E c’era un timbro che diceva: zona di guerra.
Sono passati molti mesi e di lettere ne ho ricevute tante.
Mi scriveva: Cara moglie, riguardatevi e fate attenzione al bambino! Mi auguro di tornare presto!
Ogni lettera era una gioia perché così sapevo che era vivo.
Poi il silenzio! Niente lettere e niente cartoline.
Con una lettera ufficiale mi scrissero che era morto.

Sono rimasta da sola con un figlio; Con tanti sacrifici l’ho cresciuto.
Poi quando è diventato grande è andato per la sua strada e sono rimasta più sola di prima.

Che cosa ho avuto io da questa vita?
Sola, sempre sola. A sgranare rosari e ad aspettare gente che non veniva mai.

Una storia del secolo scorso (Guerra ’15- ’18) ultima modifica: 2021-11-09T09:00:00+01:00 da Redazione

Commenti

Subscribe
Notificami
guest
1 Comment
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
Promuovi la tua azienda in Italia e nel Mondo
To Top
2
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x