CULTURA PERSONAGGI STORIE

Vittorio Butera poeta dialettale conflentese

Vittorio Butera

17191,17196,16986

Vuoi aggiungere delle "Foto" a questa sezione? Aggiungi

Passeggiando per le strade di Conflenti si notano, sparse in tutto il paese delle pietre verdi del Reventino con incise le poesie di Vittorio Butera.

Vittorio Butera

Il poeta Vittorio Butera nacque a Conflenti il 23 dicembre 1877. Frequentò le scuole elementari a Conflenti e poi visse e studiò in diverse città. Nel 1905 si laureò a Napoli in ingegneria. Quando smise di lavorare, per sopraggiunti limiti di età, incoraggiato e invogliato dai tanti amici, pubblicò la sua prima raccolta di poesie, “Prima cantu e doppu cuntu” (Prima canto e poi racconto).

Vittorio Butera

Il poeta

Comincia qui la storia del poeta Vittorio Butera, che racconta, le storie e la vita di una volta e lo fa in dialetto conflentese. Il dialetto è il linguaggio della gente, è importante preservarlo e mantenerlo perché è un prezioso bene culturale da tramandare, un elemento imprescindibile  della storia e della cultura di un popolo.
Butera riesce con il suo linguaggio poetico a  trasportarci nel passato, facendoci rivivere, con nostalgia, un tempo che purtroppo non c’è più. Il racconto è come una favola e, alla fine , c’è sempre una morale profonda e vera. Il poeta racconta le storie del popolo, della gente semplice della vita di tutti i giorni. Racconta dell’uomo con i suoi vizi e le sue virtù, dei ricchi e dei poveri, dei buoni e dei cattivi, del contrasto tra il bene e il male. Ci fa riflettere sui sentimenti, sulle memorie, sulla vita.

Le opere

Prima cantu e doppu cuntu – Roma, Bonacci editore 1949

Tuornu e ccantu a cura di Giuseppe Isnardi e Guido Cimino. Roma, Bonacci editore

Inedite a cura del Centro di Cultura Popolare U.N.L.A di Conflenti, Soveria Mannelli, Rubbettino editore

Lettere in prosa e in versi a cura del Centro Studi Vittorio Butera

‘A licerta e ru curzune

‘Na licerta,

Sberta sberta,

A ra loggia spalancata

De ‘na scola era ‘ncriccata,

E, ccurcata

Supra l’anta,

Tutta quanta

Rusicata, d’ ‘o barcune,

Se gudìa ro solliune.

Intra, cc’era

’Nna filèra

De sculari

Gridazzari;

Ma, chiù d’intra ancore, cc’era,

Ccu ra frunte rughijata

E ra capu ‘na nivèra,

’Nu maestro chi facìa

Llizzione ‘e giumitria.

Se chiamava ddonnu Titta

E ra crozza avìa ddiritta.

De ‘na cagna de lavagna

Scassàu pprima zerti cunti;

Pue pigliau, signàu ddui punti

E ddicìu: -Ppe d’arrivare

De ccà ccà se puotu ffare

Mille vie, billizze mie:

Chista, ‘st’àutra, chista ccà;

Ma sintiti a Ddonnu Titta,

Chi de vue de cchiù nne sa,

’A cchiù ccurta è ra diritta –

’A licerta chi sintiu

Disse: -È bberu

Ppe’ ddavèru! –

E, dde tannu, si camina,

Fuje, spritta e bbà ddiritta,

Pirzuasa ch ‘abbicina.

Doppu ‘n ‘annu, ‘na matina,

Mentre jìa

A ttruvare ‘na vicina,

’A vavìa

S’affruntàu ccu ‘nnu curzune

Chi, ‘u’ ssapìennu giumitria,

Stuorticannu si nne jìa.

’A licerta le dicìu:

-Biellu miu,

Si camini ccussì stuortu

Quannu arrivi? Doppu muortu?

A ra scola ‘un ce si’ statu?

E ru mastru ‘un te l’ha ddittu

Ca ‘u caminu cchiù bbicinu

Sulamente è ru dirittu ?

Già, i curzuni, tutti quanti,

Siti stùpiti e gnuranti.

-Hai ragiune! Vere sperte

’Un ce siti ca ‘e licerte;

Ma ‘sta vota si’ ‘nna ciota.

E ppue dire a Ddonnu Titta

Ca, ccu tutta ‘a giumitrìa,

’A cchiù storta d’ogne bbia

Quasi sempre è ra diritta!…

Chine vo’ ppriestu arrivare

È strisciannu e stuorticannu

Ch’a ‘stu munnu ha dde marciare!

Poesia di Vittorio Butera

 

 

Paola Stranges

Autore: Paola Stranges

Scrivo per www.italiani.it ed alcuni siti ad esso collegati, mi è sempre piaciuto scrivere fin da piccola . Per lavoro digito su portatile ma, per fermare i miei pensieri utilizzo la mia raccolta di quaderni, penne e articoli di cartoleria ai quali non posso rinunciare. Sono appassionata di cucina, amo viaggiare, fotografare, e guardare vecchi film, passerei ore a leggere poesie. Ho la fortuna di vivere su un’isola e nel tempo libero (poco), mi piace fare lunghe passeggiate rigorosamente vista mare

Vittorio Butera poeta dialettale conflentese ultima modifica: 2018-06-03T10:37:39+00:00 da Paola Stranges

Commenti

To Top