I CONFLENTESI RACCONTANO CONFLENTI

itConflenti

ASD CONFLENTI SPORT

Prima uscita in rosa: le pagelle ignoranti!

Asdc Femminile

Prima sfida per le ragazze dell’Asd Conflenti femminile. La scorsa domenica, infatti, hanno preso parte al quadrangolare organizzato da MSP Cosenza a Casali del Manco (CS). Una vittoria, due sconfitte e tanto divertimento per le ragazze sui tacchetti guidate da Domenico Mastroianni. Ed è proprio lui ad analizzare la giornata attraverso le pagelle ignoranti!

Le pagelle del Mister

Tatiana. L’unica spiegazione plausibile è che conosca il druido Panoramix e ha a disposizione la sua pozione. La trasformazione tra allenamenti e partita è così evidente che anche Giulio Cesare abbandonerebbe i propositi di conquista della Gallia. Anche se, per non far vedere troppa differenza, ogni tanto osserva palloni vagare nella sua area senza intervenire. ASTERIX
Mariateresa. Appena arriva nel palazzetto fa subito un sopralluogo per prendere le misure del campo. Poi ci pensa su e inizia a scegliere in quale punto della panchina accomodarsi. Entra nell’ultima sfida, contro avversarie per nulla facili ma mette subito in mostra il suo marchio di fabbrica. Un paio di calcioni ben assestati. Ad un tratto si avventa con la velocità di un bradipo mezzo morto su una palla vagante riuscendo a farsi rimproverare come tutte le altre, per non restare indietro. SCATTANTE

Asd Conflenti femminile
La premiazione del torneo

Erika. Si becca le peggior urla della giornata a causa dell’errore che di fatto chiude la prima partita. Il suo nome rimbomba ancora nel palazzetto ma nonostante ciò la sua risposta è quella di sempre. Alzata di spalle e via a buttare altri palloni a caso solo perché stopparne uno è troppo pericoloso, potrebbe implodere come un buco nero. ERIKAAAAAAAAAAAAAAA Ornella. Esordio assoluto, e per assoluto non si intende nel calcio a 5 ma nello sport in generale. Ma non provateglielo a dire, tirerà fuori fantomatici tornei di beach volley vinti a raffica. Forse con le mani può cavarsela, con i piedi ci sono ampi margini di miglioramento. Di sicuro capisce che è meglio buttarsi a terra a peso morto piuttosto che calpestare il proprio portiere, visto che è l’unico in rosa. SALVAVITA

Avanti le prossime pagelle…

Lucia. Casino. Basta questa parola per descrivere quello che fa in campo. Tant’è che all’ultima partita le viene chiesto: “entra e fai casino a caso per il campo”. In questo modo si può dire che ha eseguito almeno una cosa alla lettera. Corre instancabilmente lungo la fascia per i 55 secondi di autonomia disponibile. Poi chiede il cambio stremata. Arriva anche al tiro ma invece di sparare una di quelle bombe con cui solitamente abbatte le compagne, esplode una bombetta natalizia, visto il periodo. FLIPPER Mariagrazia M. La sua risposta ad ogni rimprovero è la stessa: “si lo so ma…”. Lo sa, probabilmente è anche vero ma è costante nel fare sempre gli stessi errori da una vita. Fa un po’ quello che le pare e alla lunga diventa anche strano provare a correggerla. E’ quasi capace di convincerti che in fondo ha ragione a fare quello che fa. CAPARBIA

pagelle: Asdc femminile
Asd Conflenti femminile

Mariagrazia F. Ruolo non suo, ci sta lavorando con dedizione. Di suo ci mette i calci che arrivano a sempre a segno. Il giropalla che parte dai suoi piedi è tipico di quello di tutta la squadra. Giocassimo contro cinque tartarughe caretta caretta loro avrebbero comunque ottime possibilità di intercettare i nostri passaggi. LOTTATRICE
Eugenia. Parte titolare nella prima partita. Trovarsi di fronte un plotone di esecuzione per disertori della prima guerra mondiale l’avrebbe fatta stare più tranquilla. Affanna, va in panico, fa giocate senza senso, fa danni random. Poi si sveglia, ne salta due e tira una botta micidiale che va a finire in rete, mostrando le sue vere qualità. Quando? All’ultimo secondo dell’ultima partita. VOI INIZIATE PURE CHE IO ARRIVO UN PO’ TARDI

E per finire…

Giulia. Le viene chiesto di entrare a 30 secondi dalla fine in un ruolo in cui non ha mai giocato e il suo sguardo diventa quello di chi vede la fine del mondo a un passo. Gioca nell’ultima partita. E prende così a cuore la marcatura che segue un’avversaria anche a costo di lasciarne un’altra libera di tirare indisturbata. Migliorerà col tempo. Nel frattempo se c’è de seguire un’avversaria anche fuori dal campo lei c’è. OMBRA

pagelle: ragazze in cerchio

Fiorella. Prima partita, non centrerebbe la porta nemmeno se la spostassero insieme ai suoi tiri. Ha l’onore di beccarsi le prime urla dalla panchina quando tira invece di servire una compagna sola in area. Seconda partita, lascia la kryptonite in panchina e mette un rigore all’incrocio e poi sigla la doppietta. Prende un calcione che le impedisce di arrivare al fischio finale e di giocare l’ultima partita. Corre, si sbatte e tutta la squadra si poggia su di lei, anche troppo. TWO-FACE

La pagella del mister

E se ci fossero pagelle anche per il mister nella sua prima uscita da coach? Il capitano della squadra, Tatiana Cerra, ecco cosa scrive di lui!
Mister. All’ardua scelta tra girone all’italiana e partite di qualificazione, dopo una serie di “girone all’italiana”, “girone all’italiana”, “girone all’italiana”, lui risponde “eh, va bene!”. Ecco l’esordio del nostro mister. Dopo questo incerto inizio si aggira tra di noi constatando la nostra ansia. Senza notare che la sua è di gran lunga superiore. Inizia la nostra avventura e durante le tre partite attraversa tutte le fasi emotive che un allenatore subisce in un intero campionato. Alterna incazzature, gioia, rassegnazione e incoraggiamento. Senza fermarsi un attimo, arrivando, addirittura, ad incazzarsi per gli errori di una squadra che non era la sua. In tutto ciò la cosa più bella resta averne sentito la voce per la prima volta. DECIBEL

Seguiteci….e alle prossime pagelle!

Prima uscita in rosa: le pagelle ignoranti! ultima modifica: 2019-12-17T09:42:31+01:00 da asdc femminile
To Top