I CONFLENTESI RACCONTANO CONFLENTI

itConflenti

TRADIZIONI USI E COSTUMI VALORI ED EMOZIONI

L’antico rito dell’affascino: sale e preghiere contro il malocchio

affascino: il simbolo del Malocchio

L’antico rito dell’affascino di Lucy Stranges

Parliamo di magia popolare e le sue origini si perdono nella notte dei tempi. Riti e superstizione, che dir si voglia, quando parliamo del famoso malocchio chiamato “affascino“. Lo si può trasmettere attraverso un normale complimento, secondo questa credenza diffusa al sud in special modo nell’entroterra calabrese e pugliese. Attraverso una lode o con lo sguardo ci si può imbattere in questo sortilegio che nasconde un sentimento di invidia che porta il soggetto mal capitato a forti dolori di testa e a un malessere diffuso che provoca sbadigli ripetuti e lacrimazione.

U carmu, per combattere l’affascino

La iettatura colpisce soprattutto i bambini i quali cominciano a piangere senza alcuna consolazione e a quel punto bisogna carmare. All’abbigliamento intimo, infatti, veniva cucita na vurza, ossia una piccola sacca di stoffa contenente del sale e un’immagine sacra che garantisce, per chi la indossa, una protezione duratura per ogni forma di malocchio. Di solito, per evitare l’affascino, si usa la parola benedica a ogni elogio. In caso contrario si ricorre all’antico rito. L’affascino può essere anche involontario, senza alcuna forma di invidia, ma in ogni caso la persona mal capitata ha bisogno du carmu.

affascino: Raffigurazione Malocchio

Ad occuparsi di tutto ciò un tempo erano le donne anziane ritenute sicuramente più sagge e adatte. Affinché u carmu vada a buon fine a volte si deve ripetere anche per due volte. Il rituale è sempre quello: segno della croce, una formula dal contenuto segreto e preghiere. Si tramanda a persone di fiducia nella notte di più santa dell’anno: la notte di Natale. Da una mia recente ricerca sono venuta a conoscenza che il fascinum era un amuleto fallico contro il malocchio da appendere al polso. Da qui il gesto scaramantico di “toccarsi” (o di toccare il corno, a forma fallica) per attingere energia. Non importa se siamo solo curiosi o devoti nei confronti di questo affascinante rito. Sicuro è che come tante credenze popolari ha arricchito l’identità culturale della nostra bellissima terra.

L’antico rito dell’affascino: sale e preghiere contro il malocchio ultima modifica: 2019-12-19T09:57:46+01:00 da Lucy Stranges
To Top