CIBO

Turdiddri per Natale: i dolci che non possono mancare!

I dolci di Natale più famosi tra le tradizioni.

Se c’è un dolce che di sicuro non può mancare per Natale questi sono i turdiddri! Questi dolci tipici del sud d’Italia prendono diversi nomi a seconda della regione dove si fanno: pignolata, turdilli, struffoli, crustolli, tardiddi, canaricculi, turtiddi oppure turdiddri come li chiamano a Conflenti. Anche se ci sono diverse ricette, gli ingredienti di base sono sempre gli stessi. Allora per farli ci vogliono pochissimi ingredienti e molto amore!

Preparazione dei turdiddri calabresi

La ricetta dei famosi turdiddri può variare un po’ secondo il posto dove si fanno oppure secondo la preferenza di chi li fa. La ricetta che segue l’abbiamo presa dal libro “Racconto Conflenti” da Giuliana Paola Carnovale.

Ingredienti:

  • Un bicchiere di uova
  • Un bicchiere di vino bianco
  • Un bicchiere di olio
  • Un pizzico di sale
  • Farina (quanto se ne assorbe)
  • Miele

Importante: Si prende una tazza o un bicchiere come unità di misura.

Il primo passo è impastare la farina con le uova, il vino, l’olio e la sale. Poi, si sfilano dei bastoncini sul timpagnu (in dialetto Cujjientaro vuol dire una spianatoia di legno) infarinato e si staccano dei pezzetti come si fa per gli gnocchi. Il prossimo passo è friggere questi piccoli pezzetti e stenderli su di una carta assorbente per togliere l’eccesso d’olio. Si mette il miele in un recipiente antiaderente e si porta ad ebollizione e poi vi si versano i turdiddri. L’ultimo passo di questa facilissima ricetta è lasciare raffreddare i turdiddri bagnati in miele su un marmo, precedentemente strofinato con buccia di limone.

Una antica tradizione natalizia

Il Natale é un momento dell'anno pieno di tradizioni.

L’albero di Natale e gli tradizione natalizie. Photocredit: Amira Celeste Giudice

Ci sono moltissime tradizioni collegate al Natale, questo particolare momento dell’anno in cui la famiglia e gli amici si riuniscono per essere insieme, ma i turdiddri di sicuro non possono mancare. Quel dolcissimo profumo del miele col vino che si respira nell’aria mentre si cucina è veramente unico. Una ricetta che ne ha qualcosa di magico: a molti – così come a me – ci porta diritto al mese di Dicembre, al mese di Natale. Una ricetta imparata da quando ero molto  piccola che è stat tramandata nella mia famiglia di generazione in generazione.

Autore: Amira Celeste Giudice

Sono di origine italiana, nata in Argentina e abito a Buenos Aires. Traduttrice Giurata inglese spagnolo e Professoressa di lingua inglese per vocazione. Sono molto curiosa e appassionata: amo la cultura, le lingue, la fotografia e la natura. Mi affascinano i libri, posso passare un giorno intero a leggere. Mi godo le piccole cose di ogni giorno come ascoltare il suono della pioggia, guardare le stelle o sentire il profumo di una rosa. Sono appassionata di giardinaggio e, nel tempo libero, mi piace curare il mio giardino. Adoro viaggiare e scoprire luoghi nuovi. Il mio posto preferito nel mondo è Conflenti, la terra di mio nonno. Credo nella bellezza dei miei sogni.

Turdiddri per Natale: i dolci che non possono mancare! ultima modifica: 2017-12-22T12:31:44+00:00 da Amira Celeste Giudice

Commenti

To Top