La storia di Piero, per gli amici "Pieruzzu" - itConflenti

itConflenti

STORIE VALORI ED EMOZIONI

La storia di Piero, per gli amici “Pieruzzu”

Piero

Piero nasce a Conflenti nel 1955. Vivendo in un contesto familiare precario, all’età di cinque anni, venne affidato alle assistenti del preventorio antitubercolare Maria Pia di Tropea.
Commossa lo ascolto raccontare: “In questo posto, tanti bambini come me, vennero liberati dalla fame e dalle malattie. Non avevo amici e sognavo quanto sarebbe stato bello averne uno con cui giocare e con cui poter ridere ed essere felice come gli altri bambini!”

Divenuto adolescente e strappato definitivamente all’infanzia e al gioco lo trasferirono a Squillace presso una famiglia contadina.
Mi facevano lavorare al pascolo per intere giornate sotto il sole cocente. Avevo il viso e le braccia bruciati dal sole. Nei campi mi portavo dietro un carretto a mano che risultava essere troppo pesante per le mie forze! Ma ho fatto il mio dovere e non ho mai rifiutato il lavoro duro! Mi alzavo all’alba, senza maledire la sorte per la giornata di lavoro infernale che mi aspettava”.

Piero e il suo desiderio di tornare a Conflenti

Per Piero il desiderio di ritornare a Conflenti era come un piccolo fuoco acceso nella sua anima.
All’età di trent’anni ritorna al paese e si ritrovò a fare da capofamiglia alle due donne di casa: la zia Franceschina e la mamma Lina.
Abituato fin da piccolo alla fatica e ai sacrifici, iniziò a lavore con la ditta Perrone a Motta dove vi rimase per dieci anni. Successivamente svolse, incaricato dal Comune, lavori di manutenzione ordinaria. Il cerchio della sua storia lavorativa si chiude andando a lavorare nella ditta edile di mastru Sistinu dove rimane per circa trent’anni.

Piero A Lavoro


Piero non era figlio unico e negli anni 90, con l’aiuto di alcuni amici, si ricongiunge con la sorella Antonella, anche lei era stata affidata alla Casa della Carità a Tropea. Oggi, i due fratelli vivono insieme.
Piero ogni mattina ascolta la radio con le ultime notizie di cronaca e di sport, prende il caffè e guarda in TV “La grande prateria”. Non si perde un solo episodio di questa serie TV che, attraverso le avventure della famiglia Ingalls, lo riporta a uno stile di vita simile a quello che ha segnato la sua infanzia.

La storia di Piero, per gli amici “Pieruzzu” ultima modifica: 2021-06-15T09:38:17+02:00 da Lucy Stranges

Commenti

Subscribe
Notificami
guest
1 Comment
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
Promuovi la tua azienda in Italia e nel Mondo
To Top
1
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x