I CONFLENTESI RACCONTANO CONFLENTI

itConflenti

MEMORIA NATURA

Erbe selvatiche come farmaci: i rimedi naturali di un tempo

Rimedi naturali: erbe

“…Però vorrei qualcosa di naturale!” conclude la richiesta del paziente che, recatosi in farmacia, ricerca la cura al suo problema. La fitoterapia, dal greco phytòn ‘pianta’ – rimedi naturali, dunque – è oggigiorno sempre più apprezzata, soprattutto in seguito agli effetti collaterali causati dai moderni farmaci. Anche i nostri antenati avevano uno spiccato interesse verso l’approccio naturale. Molte molecole di sintesi, infatti, non esistevano. L’uomo sfruttava le erbe offertegli dalla natura.

rimedi naturali: Malva
La malva per le infezioni alle vie respiratorie, ematomi o ascessi dentari
credit: greenstyle.it

Le donne di un tempo inconsapevolmente erboriste

Fino all’ultimo dopoguerra, a Conflenti ci si serviva spesso delle piante come unico rimedio terapeutico. Inconsapevolmente le donne di una volta, nel preparare i loro rimedi con erbe spontanee, svolgevano la pratica del moderno erborista. Senza conoscerne gli effetti scientifici, si ricorreva alle erbe selvatiche solo per le nozioni tramandate da generazioni precedenti. Come si suol dire, alla cieca! Certo, era risaputo che determinate e particolari patologie andavano trattate con terapie specifiche. Ma per semplici disturbi s’arrizicavanu tutti al parere del vicino che poco tempo prima aveva sofferto del medesimo problema.

rimedi naturali: Latte Caldo E Miele
Latte caldo e miele contro la tosse
credit: meteoweb.eu

I rimedi naturali e curativi della nonna

Chi non si è mai svegliato col mal di gola desiderando una buona tazza di latte caldo e miele? Beh, questa è una soluzione familiare a tutti. E le foglie crude o bollite della lattuga? Come potevano essere utilizzate? Semplice! Come impacchi contro le infiammazione della pelle o per curare scottature e foruncoli. Come racconta Giuliana Paola Carnovale nel suo libro “Racconto Conflenti”, i rimedi al naturale sono veramente tanti!  Per le coliche epatiche si usavano infusi di erva ‘e viantu. Dopo aver decantato l’infuso, il giorno seguente lo si trangugiava per ottenere ottimi risultati. Il mal di denti veniva fronteggiato con risciacqui di aceto in cui si diluivano pezzetti d’aglio. Come collutorio per le gengive si usava un decotto con foglie di salvie essiccate. Mentre il vino cotto ottimo contro la tosse.

Soluzioni naturali per grandi e piccini

Qualsiasi infiammazione della palpebra veniva trattata tamponando la zona con un fazzoletto imbevuto nell’infuso di camomilla, che viene utilizzato ancora oggi, e fiori di sambuco. Le verruche venivano eliminate legandole e strappandole con un filo di ginestra.

rimedi naturali: Camomilla
Camomilla contro l’infiammazione delle palpebre e l’insonnia dei più piccoli
credit: docfarma.it

E le radici di malva? Utili per le infezioni alla vie respiratorie e per curare ematomi o ascessi dentari. Anche i bambini traevano vantaggio dalle erbe utilizzate dalla mamma o dalla nonna. Gli arrossamenti tra le gambette si curavano con putrazzu ‘e castagna o con la polverina delle travi tarlate o con polvere di mattone rosso. I parassiti intestinali si combattevano con supposte di aglio o attaccando ai bambini una resta d’aglio intorno al collo. Camomilla o una bella tisana di papavero domestico per l’insonnia dei più piccoli. Semi e foglie di finocchi per riattivare la produzione di latte materno e per curare mastiti o altri problemi durante l’allattamento.
A oggi l’erboristeria si è modernizzata e le coltivazioni agricole specializzate sono subentrate alla raccolta selvatica di un tempo. Ma la sostanza, più o meno, non cambia. Provare per credere!

Erbe selvatiche come farmaci: i rimedi naturali di un tempo ultima modifica: 2019-10-11T09:00:57+02:00 da Mariateresa Marotta
To Top