NOI CONFLENTESI

La famiglia è la patria del cuore

la famiglia è la patria del cuore

Cos’è la famiglia?

La famiglia è il luogo dove il cuore trova sempre una casa. E anche se alle volte è assente, ti delude o ti rende infelice, la porti sempre tatuata sulla pelle. Rappresenta un’oasi di gioia e serenità, dialogo e scambio di opinioni, ma anche di discussioni e litigi. È un collegamento con il nostro passato e un ponte verso il nostro futuro. È dal nucleo familiare che apprendiamo chi siamo, questo perché i nostri primi maestri sono i genitori. Si può definire come un’istituzione che sa dare sostegno e protezione tanto che se qualcuno non avesse a cuore la felicità dell’altro non sarebbe una famiglia. La famiglia non è sempre una questione di sangue. Sono anche le persone che fanno parte della tua vita e che ti vogliono nella loro per quello che sei. Sono le persone che fanno di tutto per farti sorridere e che ti amano senza condizioni.

Dove l’amore non finisce mai

Far parte di una famiglia conflentese significa vivere in una tribù. Eh sì, perché una famiglia numerosa assomiglia a una piccola tribù. Quando si sta tutti insieme, si condivide, la stessa tavola, le stesse stanze, magari anche gli stessi vestiti. Si lavora prima per la famiglia e poi per se stessi, inghiottendo anche qualche boccone amaro. Ciò che contraddistingue una famiglia “cujjintara” è il termine insieme, nelle gioie, nelle vittorie, ma anche nelle difficoltà. Una cosa è certa, ogni volta che ci si siede alla stessa tavola apparecchiata per venti, trenta persone con nonni, genitori, zii che parlano, cugini e nipoti che giocano e urlano ci si sente vivi, al sicuro, protetti e mai soli. Si diventa un unico blocco, una sola anima; i cugini non sono solo cugini ma sono anche amici, confidenti, complici che puoi amare come fratelli.  Con loro si trascorrono lunghi pomeriggi estivi, ci si scambiano storie e anche qualche discussione. Sono persone speciali che non chiedono come stai, ma stanno con te. Non conta se sono di primo, secondo, o terzo grado perché essi rappresentano una parte di te stesso e del tuo cuore e anche quel pizzico d’infanzia che non potrà mai perdersi. I fili delle vite sono intrecciati cosí tanto che qualsiasi cosa succeda, si rimane uniti da un amore incondizionato.

la famiglia è la patria del cuore

“La vita”

La famiglia è come un piccolo albero appena piantato: deve essere innaffiato ogni giorno per crescere e fortificare le radici, per affrontare e uscire più forte dalle violenti tempeste. Conflenti offre meravigliosi luoghi, dove poter trascorrere del tempo in famiglia e staccare la spina. “A cirzuddra”, “a spirnuzzata” luoghi di gioia, capaci di risollevare l’umore e suscitare un senso di felicità, dove la pace della natura filtra in noi come la luce del sole tra gli alberi, rilassando e allontanando ogni pensiero. Con l’inizio della bella stagione i Conflentesi si recano in questi luoghi per passare una piacevole giornata mangiando, bevendo e scherzando con amici e parenti. Il fine non è tanto il pasto in sé, quanto il piacere di avere compagnia altrui e di poter camminare insieme per vedere, sentire e condividere ciò che la natura offre.

Veronica Carullo

Autore: Veronica Carullo

“Fai quello che ami e non lavorerai un solo giorno della tua vita”

Ho 23 anni.
Studio comunicazioni, tecnologie e culture digitali.
Amo la fotografia e la scrittura con cui esprimo me stessa e tutto ciò che ho intorno.
Appassionata di cinema.

La famiglia è la patria del cuore ultima modifica: 2018-03-12T21:07:41+00:00 da Veronica Carullo

Commenti

To Top