CHIESE

La Querciola

croce-querciola

7 giugno 1578, sabato.

Sul monte Serracampanara, intorno a mezzogiorno, il pastore Lorenzo Folino  di Conflenti Sottani, dopo aver consumato il pasto, un po’ sveglio e un po’ in dormiveglia assiste alla prima apparizione della Madonna.

Questa, comparsa sull’unica quercia presente, indica al pastore la collina di fronte, la località Visora, dove si trova un’altra quercia e dice che Dio vuole costruita una chiesa in quel luogo.

Il giovane lascia incustodito il gregge e corre immediatamente a  riferire la divina richiesta al Sindaco (notar Antonio Paladino) e al Parroco (don Gianpietro Vescio) i quali non credono ad una parola del suo racconto. Anche la gente del paese lo deride. Lorenzo passa così, in un momento, dalla gioia più grande alla disperazione più profonda, dal Cielo alla terra. Torna cosi  al suo gregge consapevole del fatto di non aver potuto soddisfare la richiesta della Divina Madre.
Ma la Madonna non si arrende e nel corso dei mesi  appare in diverse occasioni agli abitanti di Conflenti.

Il 24 giugno compie il suo primo miracolo a Conflenti: un signore cieco da un occhio recupera la vista dopo averla “incontrata”. I miracoli continuano e la popolazione inizia a rivalutare il racconto del pastorello Lorenzo Folino.

Sul finire del ‘500 i Conflentesi eressero su quella collina un piccolo tempietto, oggi visibile ad una decina di metri dall’ottocentesca chiesetta della “Cerzulla”.

La “Querciuola”, la chiesetta dell’Apparizione, fu costruita nel 1862 a cura del parroco Stranges e di Don Antonio Vescio con offerte dei fedeli.

E’ formata da una navata e un campanile. Una piccola statua della Madonna riproduce quella esistente nel Santuario.

Vicino alla chiesetta della Querciuola si trova una grossa pietra sulla quale è appena visibile un’impronta di un piccolo piede che la tradizione popolare, a memoria dei nostri anziani, ha sempre attribuito alla Madonna, “a pedata d’a Madonna” appunto.

La chiesetta è stata recentemente riportata allo splendore da Padre Nathanael.

Il 2 luglio si celebra una festa in onore delle prime apparizioni della Madonna.  Nei tempi antichi, in questo giorno, la gente si recava a piedi  nudi alla Querciola per assistere alla messa, per invocare la Madonna o per ringraziarla della grazia ottenuta e poi per fare una scampagnata nei boschi. Anche oggi è rimasta questa abitudine e nello spiazzale antistante la Chiesa si svolge la tradizionale fiera del 2 luglio.

La penultima domenica di Agosto invece si svolge una suggestiva e spettacolare fiaccolata che partendo dalla Querciola, arriva a Conflenti al Santuario di Visora,

La gente scende con le fiaccole accese e la montagna appare illuminata da  un serpente di fuoco.

Anche Conflenti, immersa nel buio, viene rischiarata dalla luce fioca delle fiaccole.

A questo avvenimento partecipano migliaia di fedeli.

La Querciola ultima modifica: 2016-12-08T10:33:45+00:00 da Luca Meli

Commenti

commenti

To Top