ITINERARI

Il Cammino di Gioacchino da Fiore

itinerari

« … il calavrese abate Giovacchino

di spirito profetico dotato »

(Dante Alighieri, Paradiso, Canto XII, vv. 140-141)

 

Gioacchino da Fiore nasce a Celico, in Calabria, intorno al 1135, da famiglia benestante.

Vive per un periodo in Oriente, dopo aver terminato gli studi. Qui ha il privilegio di visitare i luoghi della nascita e della predicazione di Cristo.

Ritornato in Italia, si fa Monaco cistercense nel Monastero di Santa Maria di Corazzo, dove diventa Abate nel 1177.

L’ASD Conflenti Trekking lavora da tempo, collaborando con altre associazioni, ad un progetto moto ambizioso che è “Il Cammino di Gioacchino da Fiore”, un cammino spirituale che partendo da Lamezia Terme giunge a San Giovanni in Fiore, seguendo le orme di Gioacchino, monaco cistercense calabrese. L’evento vuole essere un accenno al cammino, una prefazione a ciò che rappresenta un paragone al Cammino di Santiago in Spagna.

L’ASD Conflenti Trekking ha studiato un percorso parallelo, “affluente” al percorso del “Cammino” che partendo da Nocera Marina, risale il Savuto (l’antica via Popilia), per giungere al famoso Ponte del Soldato situato tra Martirano e Martirano Lombardo.

Attraversato Martirano Antico, si sale verso Conflenti, arrivando in piazza Visora dove sorge il Maestoso Santuario dedicato alla Vergine. Attraversando il centro e i boschi di Conflenti si giunge alla chiesetta della Querciuola, luogo della prima apparizione della Madonna avvenuta il 7 giugno 1578. La camminata continua attraversando la cima del monte Reventino, la località di Marignano (comune di Motta Santa Lucia), Adami (comune di Decollatura) e termina a Cerrisi dove si ricongiunge al “Cammino” che risale da Lamezia Terme (45 km). Da Cerrisi si segue il precorso principale tracciato con altri promotori del progetto per giungere a Carlopoli presso l’Abbazia di Santa Maria di Corazzo, dove Gioacchino fu abate per molti anni e ispirato da questi luoghi scrisse alcune delle suo opere maggiori.

Il Cammino termina nel parco Nazionale della Sila.

La camminata nei boschi, il silenzio delle nostre montagne, l’armonia che si crea con la natura in questo “Cammino” non si può spiegare a parole…

Solo percorrendo questo sentiero, a volte spirituale, si ritrova il vero spirito del trekking.

Momentaneamente è possibile effettuare il percorso su prenotazione. Il sogno e la speranza sono quelli di renderlo fruibile tutto l’anno, in autonomia, come il Cammino di Compostela.

 

Per informazioni

Associazione sportiva dilettantistica Conflenti Trekking

Palazzo Baratta – Via Marconi – 88040 Conflenti (Cz)

Cellulare 3281623617 Emanuele

info@conflentitrekking.it

cammino gioacchino 2 cammino gioacchino 1

Autore: Luca Marotta

Luca Marotta. Laureato in Economia Aziendale presso la l’Università della Calabria oggi ristoratore e chef per passione. Adora cani e gatti cui dedica, insieme alla moglie, tempo e risorse. Ad oggi si occupa di oltre 15 cani e oltre 30 gatti tolti dalle strade. Il sogno è arrivare ad aiutarne almeno 1000. Nel futuro prossimo la speranza è di passare dalla gestione di un ristorante a quella un hotel e di riuscire a realizzare un progetto in ambito agricolo. 

Il Cammino di Gioacchino da Fiore ultima modifica: 2017-01-15T19:44:13+00:00 da Luca Marotta

Commenti

commenti

To Top